image_print

 

Laigueglia. Parla ancora francese il Trofeo di Laigueglia:  ha vinto Lenny Martinez (Groupama Francais des Jeux) che inscrive il proprio nome nell’Albo d’Oro della corsa e succede al connazionale Nans Peters. Martinez, 21 anni, era fuggito in compagnia di Scaroni, Rafferty, Vendrame e Christen nel corso della terza tornata del duro circuito finale da ripetere quattro volte con l’ascesa a Colla Micheri. Il francese ha preceduto di una trentina di secondi nell’ordine Vendrame, Ayuso (che è riuscito a rientrare sul gruppetto di fuggitivi proprio negli ultimi chilometri), Scaroni e Christen. Rafferty ha chiuso a 31”, Barrè ha anticipato il gruppo di pochi secondi.   Velasco si è aggiudicato la volata davanti a Lapeira e Rota, autore di un lodevole tentavivo nel corso del primo giro del circuito finale. Laigueglia amaro per Andrea Vendrame ancora una volta secondo nella classica di apertura della stagione ciclistica italiana in una gara che correva per l’undicesima volta. Al via questa mattina c’era anche Vittorio Brumotti a fare il tifo per l’unico ligure al via: Niccolò Bonifazio, mentre l’altro ligure, Niccolò Garibbo, non è partito per indisposizione.

In gara oggi 25 team, 170 i ciclisti in rappresentanza di 34 nazioni (9 squadre World Tour, 8 Professional e 8 Continental) nella prima edizione della corsa ponentina orfana del grande Bruno Zanoni, l’ex professionista che da quando appese la bicicletta al chiodo si dedicò ad insegnare ai giovani ciclisti ed ad organizzare questo Trofeo e la GranFondo che l’altro giorno ha visto al via oltre 1.500 cicloamatori. Martinez con questo successo è entrato in un albo d’Oro di prestigio accanto a grandi nomi come Merckx, Bailetti, Dancelli, Bitossi, Zilioli, Baronchelli, Maertens, Knudsen, De Vlaeminck, Gavazzi, Saronni, Ballan, Paolini, Sorensen, Armstrong, Museew, Pozzato, Savoldelli, Di Luca, Celestino, Mollema e Ciccone.

Eravamo in due della mia squadra nel vivo della corsa – ha detto Lenny Martines in conferenza stampa – e sapevamo che la UAE Team Emirates era molto forte lì davanti. Io sto bene e  tatticamente non abbiamo sbagliato nulla, ho attaccato anche perché mi preoccupava la presenza di Christen che è un forte passista. È andata bene e con soddisfazione sono riuscito ad arrivare fino al traguardo, anticipando corridori più forti di me in volata. Sinceramente non mi aspettavo di essere già così in condizione, di solito cresco nel corso della stagione. Sono davvero sorpreso perché non pensavo di poter già vincere gare importanti come il Trofeo Laigueglia“.

Ordine d’arrivo:
1. Lenny Martinez (Groupama-FDJ) 202 km in 5h11’10” alla media di 38,950 km/H
2. Andrea Vendrame (Decathlon AG2R La Mondiale Team) a 29″
3. Juan Ayuso Pesquera (UAE Team Emirates) s.t.
4. Christian Scaroni (Astana Qazaqstan Team) s.t.
5. Jan Christen (UAE Team Emirates) s.t.
6. Darren Rafferty (EF Education-EasyPost) a 31″
7. Louis Barré (Arkéa-B&B Hotels) a 53″
8. Simone Velasco (Astana Qazaqstan Team) a 57″
9. Paul Lapeira (Decathlon AG2R La Mondiale) s.t.
10. Lorenzo Rota (Intermarché-Wanty) s.t.                                      
(Claudio Almanzi)