image_print

Albenga. Il Comune di Albenga, la Diocesi ingauna, insieme alle istituzioni pubbliche, gli enti culturali ed i privati cittadini, sono impegnati nella “Città delle Torri” e nelle frazioni in una serie di interventi e lavori di restauro la cui cifra complessiva supera i due milioni di euro. Il vescovo Borghetti, in un recente incontro con i giornalisti, si è detto soddisfatto dei numerosi ed importanti interventi, che hanno riguardato il patrimonio artistico, in particolare quelli relativi al restauro dell’ex Episcopio e delle coperture di Piazza dei Leoni. Ed ha anche annunciato altri interventi che riguarderanno presto anche il palazzo Vescovile ed il Giardino interno della Curia che potrà essere riportato al suo antico splendore. Ma vediamo quali sono gli interventi in corso e quelli in procinto di essere ultimati o di iniziare. Il Comune si è impegnato nel restauro della Piazza della Chiesa a Lusignano e nella sistemazione della Cappelletta in via al Cimitero a Leca. Entrambi i progetti sono stati approvati dalla Sovrintendenza.

A Lusignano il progetto relativo ai lavori di sistemazione e restauro di Piazza della Chiesa è stato redatto dall’Architetto Laura Pizzo. L’intervento prevede lavori per un importo complessivo di euro 280 mila che riguarderanno la sostituzione della pavimentazione, l’abbattimento delle barriere architettoniche ed il restauro completo del bellissimo ricamo in pietra (“Risseu”).                         A Leca fra pochi giorni inizieranno gli interventi monumentali che sono stati affidati alla ditta di Bruno Alessandri di Pieve di Teco. Si tratta della sistemazione della Cappelletta per la cui realizzazione era stata decisa una spesa di 40 mila euro.

“La nostra Amministrazione – commenta il sindaco Riccardo Tomatis – continua ad investire sui progetti di rigenerazione urbana e di riqualificazione importantissimi per riuscire ad intercettare tutti quei finanziamenti necessari per effettuare importanti interventi per il territorio”.

Nell’ Ex Palazzo Vescovile l’intervento edilizio di 440 mila euro viene realizzato con il contributo dell’8 per mille alla Chiesa Cattolica. Riguarda tutta una serie di lavori per il restauro ed il risanamento conservativo del prestigioso edificio di proprietà della Diocesi che si stanno svolgendo ad opera della impresa Ecoedile di Magliolo su progetto degli architetti Daniela Poggi e Maurizio Arnaldi. In primavera sono previsti anche i lavori di risanamento conservativo del terrazzo e del relativo portico.

A Palazzo Peloso Cepolla gli interventi, per complessivi 600 mila euro, hanno riguardato anche i due musei cittadini e le aree di interesse archeologico. I lavori sono stati fatti dall’ impresa Formento, in accordo con la Soprintendenza per i Beni Archeologici, Architettonici e Artistici della Liguria ed in collaborazione con il Comune di Albenga e l’Istituto Internazionale degli Studi Liguri, che ne ha curato e finanziato il progetto. I lavori hanno riguardato il consolidamento delle strutture e la risistemazione dei tetti, il restauro delle tre facciate del ‘500 e ‘600. Altri lavori riguardano l’interno dell’ edificio che presenta importanti decorazioni pittoriche che necessitavano interventi di restauro e conservazione.

A Palazzo San Michele sono stati realizzati importanti lavori. Il palazzo si trova in una posizione prestigiosa, proprio nel centro cittadino: si affaccia su tre delle più belle piazze di Albenga. Oltre al rifacimento del tetto è stato completato il restauro delle facciate. I lavori sono stati realizzati dalla Fratelli Papone di Pietrabruna e seguiti dall’ Architetto Piero Gonnella e dal geometra Enrico Mauro. Sono da segnalare anche importanti interventi di rilievo realizzati da privati.

A Palazzo San Siro i lavori sono già terminati da tempo. Si è trattato di un restauro compiuto interamente da un privato che ha trasformato questo palazzo in un Centro di Cultura, che accoglie mostre d’Arte e rappresenta un importante operazione di rilancio del patrimonio immobiliare ingauno. A realizzarlo è stata l’architetto Annamaria Vercellino che ha deciso di investire denaro e passione nella scommessa di fare di questa antica dimora nel cuore del centro storico, un polo culturale di alto livello.

A Palazzo Cepollini, nel condominio Torre Casa Cepollini, che comprende la omonima e spettacolare Torre, i lavori sono quasi terminati. Per un importo superiore ai 200 mila euro sono state realizzate opere di restauro delle facciate e delle coperture della Torre del Palazzo de’ Cipollini che sono inglobate nella Torre medioevale. A dirigere i lavori è l’architetto Maurizio Arnaldi e ad attuarli l’impresa di costruzioni Editel.

A Villa Viziano infine sono in via di ultimazione gli interventi di restauro e manutenzione delle facciate e della copertura dell’edificio che hanno lo scopo di riportare l’opera architettonica al suo antico splendore. I lavori per complessivi 155 mila euro vengono realizzati dall’ impresa Hoxha Gezim e diretti anche qui dall’ architetto Maurizio Arnaldi.
 (Claudio Almanzi)