image_print

Massafra. “Mio adorato ti racconto… una lettera”. E’ questo il titolo dello spettacolo musicale-teatrale Musica di 60 minuti circa che si terrà domani 1 aprile 2022, ore 20.00, presso il Teatro comunale “Nicola Resta” con la scenografia curata dallo scomparso notissimo artista Nicola Andreace per l’Associazione Agorà onlus APS, Centro stabile di Arte & Cultura con direttore il maestro Antonello Tannoia, organizzatrice tra l’altro del noto “Festival Internazionale della Fisarmonica – Città di Massafra Terra delle Gravine””.

Lo stesso direttore, insieme alla segretaria Ileana Pirillo, ci hanno raccontato questo interessante progetto musicale teatrale di questo nuovo spettacolo “Mio adorato ti racconto… una lettera” le cui prove si sono susseguite con applausi dei presenti “per caso”.

“Mio adorato…”. Quale esordio migliore per scrivere, a chi lontano era una parte del suo cuore. Nei primi anni del ‘900 gli scambi epistolari rappresentavano l’unico e prezioso mezzo per comunicare con i propri cari, soldati al fronte, prigionieri o emigrati in cerca di fortuna. “Mio adorato…”. Non c’era suono migliore per trasmettere, a chi lontano, il proprio bene, il proprio affetto, il proprio amore. In quel “Mio adorato…” che oggi, aimè, non si usa più, c’era l’essenza dell’amore e del legame che univa lo scrivente al destinatario. Diceva una celebre canzone del passato: “la lontananza è come il vento che fa dimenticare chi non si ama” in quel “Mio adorato…” la lontananza era sconfitta e prevaleva l’amore vero. “Soltanto rileggendo quelle lettere di nonni a noi cari (ci hanno precisato) possiamo rivivere lo spessore, l’autenticità e i profumi dei sentimenti di cui quelle lettere conserveranno per l’eternità”.

Lo spettacolo si basa su alcune lettere (la più antica è del 1913 la più moderna del 1955) che verranno lette e accompagnate da un sottofondo musicale dell’“Orchestra giovanile Agorà”, abbinato al tema della lettera. L’associazione Agorà onlus APS di Massafra ha voluto fortemente la realizzazione di questo evento/spettacolo soprattutto perché, ahimè, le lettere stanno scomparendo pian piano venendo sostituite dai famosi messaggini di WhatsApp. Ricordiamo che l’Associazione Agorà onlus APS è nata a Massafra, nel marzo 1998, con lo scopo di sviluppare un’operazione culturale di conoscenza, sensibilizzazione e diffusione dell’arte musicale, nonché di valorizzazione e promozione del patrimonio storico, artistico e paesaggistico della città. A tal fine, il Centro Stabile Agorà organizza corsi di educazione musicale; produce spettacoli teatrali e musicali (concerti, saggi, audizioni) mirati ad agevolare, in particolare, la conoscenza e la valorizzazione delle risorse artistiche regionali. Accompagneranno in sottofondo musicale i giovani attori saranno l’ “Orchestra giovanile Agorà” (eseguirà anche dei noti brani), nata nell’estate del 2002, dalla collaborazione tra l’Associazione Agorà ed il C.D.M.I (Centro Didattico Musicale Italiano), sezione di Massafra, diretto dal Maestro fisarmonicista Antonello Tannoia. Orchestra formata da giovani studenti musicisti di età compresa fra i 4 e i 18 anni.

Uno spettacolo da non perdere. A tutti un caloroso “Mio adorato, ti racconto (e ti scrivo) una lettera!!!”.

Ingresso a pagamento: ticket 5 €. Prenotazioni presso la sede dell’Associazione “Agorà onlus APS, Centro Stabile di Arte & Cultura, che è a Massafra in Via S. Spaventa, 10) oppure per telefono (33908890822) o per email (agoraapsmassafra@libero.it).

Nelle foto: 1) La locandina dello spettacolo. 2) La scenografia creata dallo scomparso prof. Nicola Andreace che aveva scritto nel luglio 2007 questa didascalia: “La musica e la Fisarmonica espressione dell’anima popolare della tradizione più pura e genuina in un momento di pausa dal lavoro dei campi”. 3) Il fisarmonicista M° Antonello Tannoia. 3) Il M° Antonello Tannoia nel corso di una edizione del “Festival Internazionale della Fisarmonica – Città di Massafra Terra delle Gravine” da lui stesso organizzato con l’Associazione Agorà, da lui presieduta. 4) Il logo dell’Associazione Agorà.
(Nino Bellinvia)