image_print

Arnasco. Si è svolto, con la presenza di esperti, tecnici, studiosi, giornalisti ed addetti del settore, il convegno “L’Arnasca tra terra e pietre, storia di una comunità legata alle sue origini, tesori del passato che indicano le vie del futuro”. A presentare e moderare gli interventi è stato il noto giornalista ed enogastronomo Stefano Pezzini.

Nel corso dei lavori si è anche svolta la premiazione dell’Arnasca d’argento 2022, il prestigioso riconoscimento che ogni anno la Cooperativa Olivicola di Arnasco consegna a personaggi, imprenditori, studiosi ed intellettuali che abbiano in qualche maniera fatto conoscere ed apprezzare le bellezze ed i prodotti del territorio di Arnasco e del vicino comprensorio. Ad aggiudicarsi quest’anno il premio è stato il noto giornalista di Legacoop Liguria, specializzato sui temi dell’agricoltura e della gastronomia, Ottavio Traverso. L’altro premio, che annualmente viene assegnato alla memoria di Gianni Alberti, che fu uno dei più grandi sostenitori e collaboratori della kermesse arnaschese, è stato vinto invece dall’ Istituto Agrario di Albenga. La manifestazione si è svolta nella frazione di Bezzo e nel teatro polivalente del capoluogo.

Ad organizzare l’evento è la Cooperativa Olivicola di Arnasco, fondata nel 1984 e che oggi conta oltre 300 soci. “Da più di 30 anni – commenta Luciano Gallizia- la nostra Cooperativa gestisce con passione il territorio attraverso l’agricoltura biologica. Crediamo nel rispetto della natura, nella biodiversità e nella coltivazione tradizionale dei nostri oliveti. Siamo orgogliosi di poter dire che il nostro olio è davvero unico. Anche quest’anno siamo riusciti ad organizzare un evento che è diventato un appuntamento imperdibile per gli addetti al settore, ma che è anche seguito da molti cittadini residenti e non”.

Al convegno sono intervenuti lo stesso presidente Luciano Gallizia (che ha parlato dell’olivicoltura e della storia di Arnasco), Gianluca Bico e Tommaso Bodini (sul tema: “L’albero d’ulivo, il presente nel futuro”), Samuele Cama (su: “I muretti a secco, le pietre del tempo”).

La giornata si è conclusa con una splendida pièce del noto attore ed autore Pino Petruzzelli che ha presentato il suo ultimo spettacolo dal titolo: “Vite nei boschi”.
(Claudio Almanzi)