image_print

Onzo. Una giornata piena di proposte culturali e gastronomiche è in programma per domenica ad Onzo a cura della locanda, Centro ed associazione culturale, Tribaleglobale.

Il titolo dell’evento è “Un gran Tour da Onzo all’ Oceania, in un battibaleno”.

“Si tratta- ci hanno spiegato gli organizzatori- del Primo Gran Tour Tribaleglobale, cui ne seguiranno altri. Una giornata evento che ora

chiamano turismo esperienziale, ma da queste parti è storia di sempre. Da sempre chi sale per queste valli resta a bocca aperta, si trova immerso in una specie di tempio naturale della Bellezza. Ecco perché Tribaleglobale a Onzo diventa anche spazio espositivo permanente: non c’e contesto migliore per fare e godere dell’Arte”.

Questo è il programma della giornata.

L’ appuntamento è fissato per le ore 10 alla Locanda Tribaleglobale per una colazione a base di focaccia e biscotti fatti in casa, cui seguirà la passeggiata sulle tracce della Repubblica di Onzo, verso le rovine del Castello, dove sarà possibile ascoltare la storia musicata delle donne che iniziarono l’impresa. Quindi si berrà l’Asinello, in omaggio alla Repubblica di Genova.

Alle 13 è in programma il Pranzo alla Locanda Tribaleglobale, con la visita alla Casa degli Artisti e al Parco Mnemosine. Alle ore 16 si volerà in Oceania, accompagnati dalle opere di Luca Gavarini presso la Galleria Archetipi, al piano terreno della Casa degli Artisti. La giornata si concluderà in Musica ed Assenzio.

Il grand tour è a numero chiuso, per motivi di sicurezza legati alla Pandemia, ed è fissato a 15 persone. A tutti i partecipanti verrà donata una preziosa scultura in Perpex di Luca Gavarini, che è stata e tirata in soli 30 esemplari.

“Da sempre – ci spiega l’ organizzatore ed esperto d’arte Giuliano Arnaldi – contaminiamo linguaggi dell’arte, senza soluzione di spazio, di tempo, di materia o segno. Li abbiamo chiamati dialoghi, con questo nuovo format vogliamo evocare il contesto, ciò che sta fuori dallo spazio specificamente espositivo. Ecco quindi i Grand Tour. Così venivano chiamati i viaggi con cui i giovani nobili europei concludevano il loro percorso di studi. Viaggi nella bellezza, quasi sempre italiana. Era considerato fondamentale riempirsi gli occhi di quella energia vitale che solo la bellezza sprigiona, per attingere a quel serbatoio emotivo il resto della vita. Ci piace pensare che venire qui sia una specie di Gran Tour accessibile a coloro che vogliano fare esperienza e tesoro di emozioni”.

Per prenotarsi, o avere maggiori informazioni su Tribaleglobale e le sue iniziative, è possibile visitare i siti

https://www.flickr.com/gp/tribaleglobale/oUg1s2           e

https://www.flickr.com/gp/tribaleglobale/86S3A6

(Claudio Almanzi)