image_print

Massafra. Foro Italico, Roma. Location stupenda per appuntamenti importanti. Tra l’altro il 15 maggio si sono svolti gli internazionali italiani di tennis, Dal 03 al 05 giugno è stato, invece, in primo piano il Taekwondo italiano.

Dopo due anni di assenza, la FITA, infatti, ha organizzato il tanto atteso “Gran PRIX 2022”, evento mondiale dove si sono confrontati i migliori atleti di ogni parte del mondo. In concomitanza si è anche svolto il Torneo internazionale di combattimento Kim e Liù, riservato ai piccoli campioni di categorie Kids, Children e Beginners.

La chiusura il 6 e 7 giugno con la strepitosa kermesse Olympic Dream Cup (gara riservata alle regioni), evento attesissimo dall’intero movimento nazionale che ha visto confrontarsi le squadre formate, dopo vari raduni e selezioni, dai migliori atleti delle varie regioni.

Sono stati, calcoli alla mano, ben cinque giorni di gare alle quale non hanno mancato i ragazzi del Centro Sportivo Taekwondo Massafra del Maestro Tommaso Petrelli, questa volta non solo accompagnatore dei propri ragazzi ma, grazie al suo incarico dirigenziale, anche della squadra agonistica della Basilicata per disputare, appunto, il 06/07 giugno la DREAM CUP. Parlando proprio di quest’ultima, con il Maestro Petrelli è giunta a Roma anche la giovane campionessa Emanuela Palmisano, selezionata nella squadra della Puglia, mentre insieme ai loro parenti sono giunti nella Capitale i piccoli campioni per disputare il Kim & Liù nei giorni precedenti.

Sono state bellissime giornate per i veri amanti del Taekwondo che si sono trovati faccia a faccia con i propri idoli e chiedere loro foto e autografi. Una cosa bellissima, come bellissimo è stato assistere agli incontri altamente spettacolari.

In uno scenario così bello e suggestivo la quattordicenne atleta massafrese Emanuela Palmisano ha compiuto un miracolo grazie alla sua caparbietà e tenacia. Nelle fasi eliminatorie la si è vista combattere con scioltezza e padronanza e questo ha fatto subito pensare che avrebbe potuto raggiungere la tanto ambita medaglia. Ma tutto sembrava svanire quando un infortunio accidentale alla caviglia la si è vista zoppicare vistosamente. Questo, però, non le ha impedito di vincere la semifinale strappando il Pass per la finale del giorno dopo. Preoccupazione, tensione e rabbia da parte di tutti alle stelle, tanto che si pensava ”in silenzio” che non sarebbe stata in grado di salire sul quadrato il giorno dopo per la finale. Grazie all’impegno e al lavoro di tutti, in primis del Maestro Salvatore Bussu, che le ha bloccato l’arto, e del medico del pronto intervento, l’atleta massafrese è stata messa in piedi pronta per la sua tanto agognata finale che ha affrontato a testa alta senza fare nessun cenno o smorfia. E l’ha vinta con caparbietà e forza. Quando sul display è apparsa la sua vittoria con la conquista della medaglia d’oro tutti sono scoppiati di gioia. Immaginate la grande festa e gli abbracci. Un mix di lacrime e sorrisi per conquista della medaglia d’oro dopo lo scampato pericolo.

Anche al Torneo Internazionale Kim e Liù hanno fanno benissimo i piccoli campioni massafresi. Hanno conquistato una importante medaglia d’argento, nella specialità forme e bronzo nei combattimenti, con Bianca Notarnicola ed una medaglia d’argento con il campioncino Riccardo Bellinvia (ambedue avevano conquistato una medaglia d’oro ai recenti “Campionati Interregionali Maschili e Femminili Puglia 2022”).

Bella anche la prova di Emanuela Sferrazzo.

Grande soddisfazione. Portare tre atleti in gara e riuscire a conquistare tre medaglie è certamente un qualcosa di molto bello e soddisfacente per il Maestro Petrelli e l’intero Centro Sportivo Taekwondo, che, come abbiamo scritto altre volte, continua in ogni gara cui partecipa a portare sempre più in alto i colori della città di Massafra, dando gioia ai piccoli e ai grandi campioni. E tutti, anche quanti si avvicinano al taekwondo, ringraziano per l’impegno, per la serietà e professionalità il Maestro Petrelli e il team. Da non dimenticare anche che in questa palestra, come noto a tutti, i punti di partenza per tutti sono: rispetto, umiltà, lealtà e onestà.  E il Maestro Petrelli ripete spesso: “Prima di tutto viene l’uomo e poi l’atleta. Valori di straordinaria importanza nello sport come nella vita”.

Nella foto la 14enne campionessa Emanuela Palmisano con il M° Tommaso Petrelli.
(Nino Bellinvia)